GREENTOUR: Un evento destinato a cambiare il mondo sportivo

Racconto a cura di: Rosario Citriniti –  Torino 26 novembre 2019

COS’È GREENTOUR?

GreenTOur è una giornata dedicata allo sport sostenibile per tutti, che permetta ai cittadini di scoprire la collina da una parte e dall’altra permetta di indagare e promuovere i valori dello sport pulito e della sostenibilità ambientale. L’ obiettivo da raggiungere con le prime tre edizioni è la raccolta dei fondi necessari per la piantumazione di 100 alberi in Parco Dora.

A CHI È DEDICATO GREENTOUR?

GreenTOur è nato con l’intento di creare un evento dedicato a chi ama lo sport e la natura.
Uno degli obiettivi fondamentali della manifestazione è quello di riuscire a coinvolgere tutti.

  • Per tutte le età.
  • Per tutti i quartieri.
  • Per tutti i livelli sportivi.
  • Per chi ama viaggiare alla scoperta del nostro territorio

Questo è stato  il   video promozionale dell’edizione 2019, nato da un’idea di Nicola e realizzato da Rosario, dal traffico caotico delle nostre città, come sentinelle della nostra comunità ci arrampichiamo sulle cime degli alberi per avvisare in tempo della tempesta devastante che si sta avvicinando :

(1) Video durata 1,45 secondi.

Ma com’è nato GREENTOUR?

Chi non conosce le attività di Giannonesport deve sapere che quello che è diventato un brand dello sport torinese non rappresenta solo  un negozio di articoli sportivi, ma anche partecipazione, convivialità, consulenza, consigli tecnici, allenamento e… soprattutto fantasia. Nei locali che si affacciano su Corso Regina Margherita al numero 221 nascono idee, iniziative e corsi, spesso conditi con aglio, olio e peperoncino.

Nei locali che si affacciano su Corso Regina Margherita al numero 221 nascono idee, iniziative e corsi, spesso conditi con aglio, olio e peperoncino.

 

Clienti da tutto il Piemonte raggiungono Giannonesport per seguire le lezioni di respirazione, sana alimentazione, tecniche della corsa.

 

Le serate sono sempre a partecipazione libera e gratuita, le info sono sempre presenti su sito web e pagina Facebook. Una newsletter raggiunge in modo capillare tutti gli interessati.
Clienti sempre più soddisfatti aderiscono anche alla varie campagne promozionali
Ogni acquisto è una sorpresa… è Natale!

Il cuore pulsante, il motore organizzativo, è costituito da un gruppo di persone che su base volontaria progettano, preparano, gestiscono gli eventi sportivi.

Spesso l’appuntamento è alle sei del mattino, il gruppo GIANNONERUNNING con  apparecchiature video e informatiche ma soprattutto con martelli, scale e trapani prepara gli eventi, allestisce i ristori, cura la pubblicità degli sponsor che rendono possibili questo tipo di eventi.

 

 

E’ questo stesso gruppo che necessariamente variabile nella sua composizione  per impegni di famiglia e di lavoro, ha inventato GREENTOUR.
Come nelle migliori fiabe che diventano famose, mentre si va incontro alla primavera, nella saletta di via Caserta c’è l’incontro dei consiglieri. Freschi della IX miglia di Natale appena conclusa con la partecipazione di oltre 1500 sportivi, è necessario fare il consuntivo e approvare le spese, poi è  prassi pensare alle  iniziative successive , date, problemi, perplessità.

 

I punti all’ordine del giorno sono bruciati in pochi minuti, approvati come al solito all’unanimità, è a questo punto che, prima di passare al punto 2, interviene Nicola e racconta la sua apparizione:

 

All’alba di qualche giorno prima era partito con Ana per il suo allenamento quotidiano scegliendo un percorso collinare, un percorso in mezzo agli alberi, ristorato dalle numerose fontane,  un po’ sull’asfalto e un po’ nei sentieri con arrivo sul piazzale di Superga. É qui che, finita la corsetta,  rimane abbagliato da tanta bellezza, un palcoscenico naturale da dove si può ammirare la Città con le sue luci, i suoi colori, il risveglio graduale delle sue attività e delle genti che la percorrono… La città vista da un palcoscenico  dominato dall’austerità della Basilica…

 

 

A questo punto interviene Maria con una bottiglia d’acqua per rinfrescare Nicola  che mentre lo portiamo via per stenderlo su un lettino, continua a ripetere bello, bello, bello,  proprio bello!

 

 

I consiglieri si consigliano guardandosi negli occhi, Oreste è il più serioso (è un ingegnere), Alfonso in barba a tutti (fa il barbiere) mastica noccioline, Guido è incontenibile (vende anche sanitari), poi c’è Max che fa la guardia ad ANA, Davide va sempre su e giù, non sta fermo un attimo (nella vita come lavoro ripara gli ascensori), Rosario controlla le sue protesi (macchina fotografica e pennette USB), Danilo  dà i numeri (è il revisore dei conti), Maria  tolto il tovagliolo bagnato dalla fronte di Nicola, esalta le sue torte e non sta zitta un momento, Lele invece sta zitto per poter mangiare le torte di Maria in santa pace. Come avete capito questo è un gruppo variegato, le idee spesso sono divergenti, i gusti anche, ma alla fine tutti concordano su un buon bicchiere di vino portato da Gianni Stella (quello che pesava 90 chili e che adesso è invidiato da tutti per la tartaruga scolpita da quando ha incominciato a correre e a vincere gare, compresa la maratona di New York).

 

 

Questi sono pressappoco  gli attori riuniti questa sera, personaggi strani ma tutti sorridenti e dalla battuta facile, qualcuno è già andato via, qualcuno deve ancora arrivare, qualcuno è arrivato giusto il tempo per salutare ma è già andato via. Il tavolo dei consiglieri anzichè avere una fila di microfoni per gli interventi   è apparecchiato per una ventina di persone… si, per i consiglieri che sgranocchiando mandorle, noci, e semi di girasole e  battendo ogni tanto con cucchiai e forchette sulle bottiglie vuote hanno deliberato e si sono assunti la responsabilità di quanto è accaduto:

 

Dopo aver analizzato tutte le possibilità, e anche le impossibilità, le spese, le procedure, i pro e i contro, tutti i problemi connessi e anche quelli sconnessi,  con la stessa visione di Nicola negli occhi, in tarda serata lanciano un urlo che da via Caserta (nuova sede di Giannonerunning) si propaga verso il vicino Parco Dora… GreenTOUR.

 

Guido ha bevuto un bicchiere di troppo e dichiara il suo amore per Briancon dove la burocrazia facilità la realizzazione degli eventi, Stefano   parla  di ambiente (lui se ne intende ed è l’unico che ha l’auto elettrica), Nicola adesso cerca la traduzione di green su Google… a Vitaliano in Calabria fischiano le orecchie mentre prepara l’agenda della Pro Loco con   gli eventi estivi da organizzare.

 

E’ così che da un gruppo  frastornato da un buon bicchiere di vino ma con una grande passione sportiva, legati da anni di amicizia e scorribande nelle varie gare,  è nata l’idea del giro sulla Collina Torinese.

 

La pattuglia di matti si è messa subito al lavoro, chi col GPS per iniziare a rilevare il percorso, chi con una mazza nell’auto (Domenico) per andare a mettere al giusto posto le teste calde dei bulloni che in alcuni casi fuoriuscivano dai tronchi lungo i sentieri, chi in bicicletta per verificare le criticità (Fedele). Poi è partito Roberto  per fare il nuovo sito, Oliviero per studiare l’impatto ambientale, Carlotta per curare la comunicazione.

 

Nicola, dopo l’apparizione, non riesce più a stare senza Superga e non perde occasione per andarla a trovare, Maria è gelosa e cerca di non farlo vedere, Rosario consola Maria e accompagna Nicola in giro per ottenere i vari permessi sempre con la borsa della macchina fotografica a tracolla, per fortuna Nicola non ha mai scoperto i cubetti di ghiaccio sintetico che hanno preso il posto della macchina fotografica per poter raffreddare, all’occorrenza, la fronte febbrile di Nicola in caso di grandi emozioni o grandi delusioni.

 

(2) Prima presentazione pubblica di Greentour. Video durata 3,27 minuti

 

Per farla breve a Giugno eravamo a buon punto, non c’era ancora nessuna certezza, non avevamo ancora nessuna risposta dagli enti,   ma facevamo finta di averle tutte ricevute e certamente tutte positive.  Gli sponsor non avevano ancora preso decisioni concrete, la pubblicità era in alto mare, i serigrafi aspettavano i layout per le stampe, la gente pensava alle vacanze imminenti e  i cassetto delle ricevute si riempiva di quelle pagate per i vari permessi anziché di quelle in entrata per le quote di iscrizione.

 

L’immagine ricorrente è don Chisciotte, i mulini a vento sono disseminati in tutto il territorio torinese e noi, traboccanti di ottimismo,  ci buttiamo in un’altra avventura: per rispettare l’ambiente pensiamo ai bicchieri riutilizzabili al posto della plastica, in Italia non ci sono produttori, e così incominciamo a cercarli altrove,  la ricerca  ci porta in Cina nel magico mondo di Alibabà, qui grazie a Google che traduce anche dal cinese e alle informazioni in inglese riusciamo a concludere un ordine per assicurare a tutti il meraviglioso
bicchiere chiudibile e riutilizzabile. Non nascondiamo l’ansia dell’operazione: pagamento anticipato compresi 600 euro di trasporto, suspense per le spese di dogana, il rischio di vedere Greentour serigrafato in cinese.

 

 

Intanto ANA e Stefano fanno la prima prova assoluta di un percorso che dalla progettazione all’esordio è stato variato almeno 10 volte per renderlo sempre più accattivante, sicuro, percorribile da tutti, anche se con obiettivi sportivi diversi (Corsa o camminata, 5 o 12 Km). Neanche loro conoscono l’ultima versione del percorso, sul sito c’è la versione 2.0, su Facebook la successiva, sui loro appunti la precedente, non si lamentano però per aver percorso 5/6 Km.  in più, un piatto di pasta fa superare la stanchezza, nella trattoria si parla già di Greentour, è qui che abbiamo stretto la mano al sindaco di Baldissero.

 

Chiaramente non sempre tutto è andato liscio, le difficoltà, la burocrazia, i permessi, la location non proprio sotto casa, mettono a dura prova. Superga, Pino Torinese, Baldissero diventano  mete quasi quotidiane e non tutti possono permetterselo. Poi mettiamo insieme l’aspetto ambientale, lo slogan “Plastic freee”, il paesaggio da preservare, i vincoli demaniali per i sentieri, quelli architettonici per l’utilizzo del piazzale antistante la Basilica, la sicurezza del percorso, la chiusura al traffico di arterie importanti,  i vari comuni interessati con vari interlocutori sia politici che amministrativi, la ricerca degli sponsor ecc. ecc. ed è facile capire quanto è stata meritata la medaglia (non ancora assegnata) a tutto il gruppo, ripeto cuore pulsante di Greentour, che ha reso possibile la prima edizione 2019.
Presto la nascita di Greentour diventa  un evento, iniziano le giornate di avvicinamento per preparare la Domenica del 15 settembre,  l’ambiente diventa il filo conduttore di tutte le iniziative prima ancora che  Greta Thunberg apparisse in TV:

(3) Raccolta plastica al parco DORA – Video durata 2,47 minuti.

L’idea è contagiosa e presto  dal Piemonte dei Gianduiotti l’urlo di Greentour raggiunge la Calabria della N’duia, anche qui col sindaco in testa si fa pulizia, i cappellini e le magliette arrivano da Giannonesport.

 

(4) Gemellaggio Gianduia Torino/N’duia Calabria – Video durata 3,30 minuti.

Greentour, come tutti gli avvenimenti che segnano un’epoca, in un batter di ali diventa leggenda e come tale vola di piazza in piazza anche in Basilicata portata in giro dai cantastorie e abbracciata dalle sculture del celebre   Salvador Dalì :

(5) Matera canta Greentour – Video durata 2,56 minuti.

 

Al Passo con i tempi: Le immagini

 

A questo punto ci rendiamo conto che Greentour diventa realtà, ci telefonano, ci chiedono appuntamenti, partecipazione. Tutti vogliono saperne di più… ecco che entra in gioco Enzo “La  Lanterna Magica” che ha illuminato l’edizione Greentour 2019, Enzo è  un grafico torinese schivo e quasi invisibile. Enzo riprende, disegna, ascolta e produce…  è stato l’inventore del nostro Logo, è lui che ha ideato tutte le immagini che avete visto in giro: locandine, cartoline, segnalibri, Totem, striscioni, bandiere… un evento così impegnativo non sarebbe diventato grandioso senza un intervento grafico specializzato anche in grado di dare la giusta importanza a tutti gli sponsor e agli enti pubblici che hanno sostenuto l’iniziativa.

 

Scherzi a parte, sicuramente avete capito che le cose fin qui raccontate sono veramente accadute, di magico c’è solo “La lanterna”, il resto lo potete toccare con mano, guardare i video nei dettagli e poi darvi un pizzicotto sulle guance, ma per tornare con i piedi per terra ecco gli altri eventi che hanno preceduto Greentour, sicuramente non ci crederete che Oliviero sia stato in Groenlandia per abbracciare i ghiacciai in pericolo prima ancora di stringere Felicina:

Gli eventi di avvicinamento a Greentour

 

16 luglio: Sport e nutrizione, un connubio indispensabile

C’è un legame fortissimo che lega sport alimentazione e ambiente. Siamo noi, sono le scelte quotidiane che facciamo. Mangiare è il gesto che forse facciamo più spesso durante la nostra giornata, e scegliendo cosa mangiare possiamo scegliere di essere o meno consumatori responsabili e cittadini consapevoli. Nella vita di uno sportivo l’alimentazione rappresenta una parte integrante dell’allenamento, parleremo di sport e nutrizione, e di come l’alimentazione di uno sportivo possa essere buona per il fisico ma anche per l’ambiente e di come se uno sportivo possa avere un’alimentazione sostenibile, adatta alle sue esigenze, allora tutti noi possiamo decidere di mangiare bene, facendo un po’ meno male all’ambiente ma restando sempre in forma.

Ore 18.30 corsa con Oliviero e il mitico Giovanni Stella

Ore 20.00 incontro formativo con Felicina Biorci e Oliviero Alotto

Venerdi 26 luglio, una splendida serata con tanti amici verso Superga Verso #GreenTour

Venerdì sera è stata una sera speciale!
Con gli amici di Fitwalking Settimo Chilometro abbiamo camminato lungo i sentieri della #collinadisuperga fino al calar del sole. Un luogo magico, una natura inaspettata pensando al caldo della città e l’arrivo alla #BasilicadiSuperga emozionante.

Grazie a tutti i partecipanti e, per tutti, vi aspettiamo a Greentour il 15 settembre.

Martedì 3 settembre: Prove generali, Toccata e fuga da Superga

Oltre cento “volontari” si sottopongono alle prove generali, il percorso deve essere sicuro, piacevole, senza possibilità di perdersi nei boschi. Nicola è il Direttore dell’orchestra, Domenico prende nota della cartellonistica, Federico in bici anticipa i pericoli e avvisa i “corridori” la serata è fantastica, le persone eccezionali, dopo la corsa cena condivisa col magnifico panorama della città.

(6) Toccata e fuga, maestro d’orchestra Nicola Giannone – Video durata 0,48 minuti.

Un altro passo importante: Il bicchiere

(7) Collaudo collettivo del bicchiere – Video durata 0,55 minuti.

Wow prodotti e serigrafati con il logo GREENTOUR sono partiti dalla Cina.

I bicchieri, passando per SENNAN-SHI  in Giappone sono arrivati a ROISSY CHARLES DE GAULLE in Francia, ci avvisano che sono fermi a SOMMA LOMBARDO IT per la dogana, presto saranno consegnati e inseriti nei favolosi pacchi gara. Siamo al 25 di Agosto. Sono arrivate anche le bellissime borse e le magliette sono finalmente in stampa…

Nei giorni seguenti al numero 221 di Corso Regina Margherita si respirano attimi di frenesia, tra le altre cose è anche necessario vendere. I  clienti con ai piedi una scarpa rossa e una verde  aspettano Ana o Francesca per sapere quale è la più adatta da acquistare, c’è chi prepara i pacchi gara, chi si iscrive. C’è chi scarica i totem, chi corre per il negozio per  provare le scarpe appena acquistate, c’è anche un corriere TNT con la macchinetta in mano che deve fare una consegna ma non sa a chi rivolgersi, un cliente entra e poi esce veloce pensando di aver sbagliato porta, poi rientra cercandosi un angolo senza scatoloni. Credetemi è un vero casino!

 

(8) La conferenza Stampa nella prestigiosa sala delle Colonne del Comune di Torino – Alfio Fontana, Energy manager Carrefour GS Italia: Siamo quello che facciamo…

(9) La UISP Torino, ecco l’intervento…

(10) La PRO NATURA TORINO. Durante la conferenza ha apprezzato il nostro programma, il bicchiere riutilizzabile e la scelta di usare acqua del rubinetto in alternativa all’acqua

(11) Anche La FIDAL PIEMONTE partecipa alla Conferenza Stampa e augura “in Bocca al lupo” agli organizzatori di Greentour.

(12) Maria di Rovasenda, produttrice e promotrice dell’evento Greentour

La Pubblicità sui giornali e sul WEB

Già a partire dal mese di giugno abbiamo dato priorità e importanza alla pubblicità e diffusione dell’evento oltre che con i social e il sito web specifico, anche attraverso i giornali specializzati, la cronaca cittadina di Torino e i giornali delle periferie urbane. Nostro obiettivo è stato da una parte informare in modo capillare sull’evento Greentour ma anche pubblicizzare gli sponsor e i promotori dell’iniziativa stessi. Lo sforzo economico sostenuto è stato notevole e i risultati ottenuti ancora una volta hanno confermato e premiato un’iniziativa sportivo-ambientalista antesignana  di un approccio sempre più consapevole verso lo sport e verso l’ambiente.

Anche Pentone in Calabria aderisce a Greentour e nella stessa giornata, con le stesse t-shirt decine di volontari, guidati dalla Proloco, puliscono i dintorni del piccolo centro presilano.

Anche la Calabria aderisce al Greentour e pianta   alberi per ogni nuova nascita!

 

Altre nostre uscite sui giornali dell’area urbana.

 

Gallerie fotografiche ARRIVO, centinaia di partecipanti ci chiedono il Diploma di partecipazione dopo aver individuato la loro foto tra le centinaia di scatti disponibili, comunicano il numero di riferimento a Giannonesport che spedisce con posta elettronica il Diploma ad alta definizione per la stampa fotografica, il 15 Settembre è una data da ricordare,  l’Associazione Giannonerunning è già partita per preparare l’edizione 2020 per dare continuità al sogno che coinvolgerà il prossimo anno ancora più atleti, camminatori, famiglie.

(13) La grande magia

 

Il Bilancio del PRIMO ANNO

Gli impegni mantenuti:

Si Ringraziano tutti i volontari che si sono impegnati per rendere possibile questo evento.

Un ringraziamento particolare a Stefano che con pazienza ha creato l’organigramma organizzativo con tutti i dati necessari per poter coordinare le attività di logistica, sicurezza, pronto soccorso, viabilità.

Rosario Citriniti, elettronico/informatico di professione ma fotografo e video maker per passione, ha seguito da vicino  la storia di Greentour.  Ha accompagnato Giannone in tutte le peripezie burocratiche  e insieme a lui  è andato su e giù dalla collina decine di volte senza paura di essere preso per matto.  Con un debole per Nelson Mandela  “Un vincitore é semplicemente un sognatore che non si é mai arreso”, ha sognato insieme a tutto il gruppo organizzatore che non si è mai arreso, è così che è nato GREENTOUR.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected by WP Anti Spam